Via all'ordinanza antismog a Firenze e nell'agglomerato urbano

News del: 29 December 2017

Da sabato 30 dicembre al 3 gennaio 2018 nel capoluogo e a Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Lastra a Signa, Scandicci, Sesto Fiorentino, Signa restrizioni al traffico ed all'esercizio degli impianti di riscaldamento



Via all'ordinanza antismog a Firenze e nell'agglomerato urbano
Da sabato 30 dicembre al 3 gennaio 2018 nel capoluogo e a Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Lastra a Signa, Scandicci, Sesto Fiorentino, Signa


Il Comune di Firenze e i Comuni dell' "agglomerato urbano" (insieme a Firenze sono Calenzano, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa, Lastra a Signa, Scandicci, Bagno a Ripoli) hanno emesso ordinanze perché siano osservati da domani, sabato 30 dicembre e fino al 3 gennaio 2018, il blocco dei mezzi di trasporto più inquinanti e una serie di altre misure.

In particolare per quanto riguarda gli impianti termici è previsto il divieto, in ambito domestico, di accensione di caminetti, stufe, termocamini o termostufe alimentati a legna, qualora non rappresentino il principale sistema di riscaldamento; riduzione del periodo giornaliero di funzionamento degli impianti di riscaldamento individuali, a cura del proprietario, condominiali a cura dell’amministratore di condominio o del terzo responsabile dell’impianto termico; tutti gli impianti potranno rimanere in funzione al massimo per otto ore giornaliere.

Sono esclusi dai provvedimenti:
gli impianti degli edifici adibiti ad ospedali, cliniche o case di cura e assimilabili, ivi compresi edifici - adibiti a ricovero o cura di minori o anziani, scuole e asili;
gli impianti degli edifici adibiti ad albergo, pensione ed attività similari;
gli impianti di piscine, saune e assimilabili;
le strutture che per fini istituzionali o di servizio o per processi produttivi devono necessariamente rimanere in funzione per 24 ore o in cui le presenti prescrizioni ostino con le esigenze tecnologiche o di produzione (es: centrali operative Forze dell’ordine, impianti a ciclo produttivo continuo, ecc…).

Fonte: comunicato Città Metropolitana di Firenze

Maggiori dettagli: http://met.provincia.fi.it/news.aspx?n=258702